Fortune Italia

LE SCIMMIE DI BIG PHARMA

QUANDO, IN UNA MATTINA del novembre 2022, Masphal Kry fu portato in una stanza dell’aeroporto internazionale J.F.K. di New York per essere interrogato, non gli fu subito chiaro che avrebbe perso la sua coincidenza. Direttore della Fauna selvatica e della biodiversità per il ministero dell’Agricoltura, delle foreste e della pesca (Maff, ndt) della Cambogia, Kry si stava recando a Panama per una conferenza internazionale sulla fauna selvatica quando gli agenti dell’U.S. Fish and Wildlife Service lo hanno fatto entrare in una sala per interrogarlo. Qui gli hanno comunicato che avevano un mandato d’arresto per lui, con l’accusa di contrabbando di primati selvatici. Kry era sicuro che avessero commesso un errore, secondo una trascrizione dell’incontro successivamente resa pubblica nel procedimento giudiziario.

“Ho un background ambientalista”, ha detto loro. Li ha quindi invitati a controllare il suo bagaglio (forse per dimostrare che non conteneva scimmie) e a chiedere informazioni al suo amico, che parlava inglese con maggiore padronanza, diretto alla stessa conferenza e che si trovava in aeroporto con il bagaglio di Kry.

La trascrizione suggerisce che Kry fosse confuso: un uomo la cui giornata aveva preso una piega inaspettata, ma soprattutto preoccupato di perdere l’aereo. Non poteva certo immaginare che di lì a un anno sarebbe stato ancora negli Stati Uniti, agli arresti domiciliari, in attesa di un processo con accuse che prevedono una pena massima di 145 anni di carcere.

Né poteva immaginare che il suo arresto l’avrebbe coinvolto in un dramma internazionale che si sta ancora trascinando. L’arresto ha innescato una catena di eventi che ha lasciato più di 1.200 scimmie nel limbo delle gabbie dei laboratori statunitensi, ha scosso un settore commerciale redditizio per il suo Paese e ha messo in ginocchio la multimiliardaria industria americana dei test farmaceutici, fondamentale per lo sviluppo e l’approvazione di medicinali e trattamenti medici.

PER L’U.S. Fish and Wildlife Service, l’arresto del funzionario cambogiano ha rappresentato una vittoria nell’ambito di un’indagine durata anni. L’operazione Liberazione coda lunga aveva portato alla luce profonde e allarmanti falle nella catena di approvvigionamento delle scimmie da laboratorio, allevate in cattività e utilizzate nella ricerca biomedica e nelle industrie farmaceutiche americane. Coinvolto nello schema uno dei presunti regolatori del settore: il datore di lavoro di Kry, l’agenzia incaricata di proteggere la fauna selvatica in Cambogia, che era e rimane responsabile del rilascio dei permessi per garantire il commercio legale degli animali.

Gli uffici governativi cambogiani negli Stati Uniti e a Phnom Penh non hanno risposto alle richieste di commento. In un comunicato dell’epoca, il Maff si era detto “sorpreso e amareggiato” dall’arresto di Kry e aveva affermato di rispettare le leggi e i principi del commercio internazionale di animali selvatici.

L’accusa di 27 pagine, resa pubblica dopo l’arresto, delinea un vasto schema criminale messo in atto da funzionari ai vertici della burocrazia cambogiana. Kry, insieme al capo dell’amministrazione forestale e a sei dipendenti di un’azienda di Hong Kong con allevamenti di scimmie in Cambogia, è accusato di aver cospirato per vendere centinaia di scimmie selvatiche, con permessi falsificati, nella filiera altamente regolamentata degli animali allevati in cattività per i test di laboratorio. Anche due società americane senza nome sono citate come “complici non incriminate”.

Esiste anche un video sgranato fatto con un cellulare che coglierebbe Kry in flagrante. Nel video, presentato come prova nel processo e visionato da Fortune, Kry, vestito con una camicia blu di percalle

Stai leggendo un'anteprima, iscriviti per leggere tutto.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia3 min letti
A Scuola D’impresa
LA SCUOLA per Imprenditori è alla sua seconda edizione. Promossa da Confindustria, 4.Manager, Sistemi Formativi Confindustria e la Luiss Business School, riprende la visione lungimirante che spinse Guido Carli a fondare la Luiss nel lontano 1974. La
Fortune Italia6 min letti
Runway Contro Il Golia Della Silicon Valley
CRISTÓBAL VALENZUELA non è estraneo alle creature strane e spaventose. Co-founder e Ceo di Runway, una startup newyorkese di cinque anni che sviluppa strumenti di intelligenza artificiale per i video, i prodotti della sua azienda hanno dato vita a un
Fortune Italia4 min letti
Safari senza Jeep
IL NOSTRO GRUPPO di sei persone chiacchierava tranquillamente mentre attraversavamo il terreno polveroso e bruciato dal sole del Parco Nazionale South Luangwa in Zambia, all’inizio di una mattina di settembre, con i raggi di sole implacabili della st

Correlati