Scopri milioni di eBook, audiolibri e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione ed alla Natura Umana - Vol. 1
Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione ed alla Natura Umana - Vol. 1
Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione ed alla Natura Umana - Vol. 1
E-book167 pagine2 ore

Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione ed alla Natura Umana - Vol. 1

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Le religione monoteiste tendono a far ritenere la divinità, sebbene indicata come “il Re del cielo e della Terra, il Signore di tutte le cose, visibili e invisibili” come l’entità che signoreggia la natura, la società umana ed il destino degli individui (la Provvidenza Divina), come un’entità infinitamente buona e, dunque, innocente rispetto a tutti i guai che affliggono: la natura, la società e la vita degli individui (concetto molto gradito a coloro che detengano il potere – i quali si rispecchiano, volentieri, nella divinità - detentori i quali, sebbene vogliano farsi ritenere in grado di determinare il futuro della propria nazione, non gradiscono alcuna responsabilità, ove le cose non vadano per il meglio), mentre la responsabilità è lasciata, in toto, agli esseri umani (attraverso il “libero arbitrio”: che sarebbe dato ad ogni individuo, dalla nascita), sebbene sotto l’azione tentatrice del “Demonio”, il quale ultimo agirebbe su “licenza” della divinità. Tale concezione, non appare più accettata, né ritenuta accettabile, dalla quota prevalente degli esseri umani, sebbene siano, un po’ tutti, inorgogliti dall’idea di essere “gli unici padroni del proprio destino”, e corresponsabili del futuro dell’umanità e della propria nazione.
Fin dall’epoca dell’Umanesimo, del Rinascimento e più ancora dell’Illuminismo e del Positivismo, gli intellettuali hanno compreso che gli individui non possano, correttamente, essere considerati pienamente responsabili delle loro azioni, poiché esistono forze che ne condizionano pesantemente le decisioni, il comportamento ed il pensiero. Per tale ragione il sistema giudiziario moderno non si basa sulla punizione dei delitti ma, al massimo, sulla necessità di impedire altri delitti e sul tentativo di riabilitazione di coloro che abbiano compiuto: delitti o reati. Tale concezione resta nel subconscio di ogni individuo, il quale anche se si sente colpevole (e, dunque, è pervaso da rimorsi e da una quantità di rammarico e da rimpianti) delle proprie scelte sbagliate, tuttavia, dentro di sé è consapevole di non essere pienamente responsabile di ciò che è stata, ed è, la propria vita.
I contemporanei, pur convinti (a livello di una coscienza presuntuosa e fallace) di essere pienamente artefici del proprio futuro, se si trovassero di fronte ad un “supereroe” (per pura ipotesi fantascientifica) che prospetti loro la possibilità di diventare pienamente, ed autenticamente, responsabili di sé stessi e, pro-quota, della collettività a cui aderiscano, volontariamente, moltissimi se ne ritrarrebbero. Infatti, gli esseri umani contemporanei sono nella condizione di quei bambini che non riescano, ancora, a raggiungere la stazione eretta, avendo il terrore di abbandonare gli appigli stabili che consente la posizione del gatto, od a quattro zampe, preferendo continuare a “gattonare”, piuttosto che rischiare di cadere, facendo un nuovo, ed ulteriore, progresso sulla via della civilizzazione, o dell’umanizzazione. Tuttavia, la piena umanizzazione non può che essere preferita dagli esseri umani pienamente consapevoli di sé stessi, allorché la scienza, e la tecnica sociale, consenta di avere una ragionevole sicurezza che, quella indicata, sia la strada giusta per il progresso umano e sociale.

LinguaItaliano
Data di uscita19 gen 2023
ISBN9798215343838
Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione: Il Metodo Scientifico Applicato alla Condizione ed alla Natura Umana - Vol. 1
Autore

Giano Rocca

Giano Rocca was born in a small village in the Langhe, called Roccaverano, from parents of humble origins. After completing his primary school studies, he moved to Turin, where he attended secondary school and the University, enrolling in the Faculty of Letters and Philosophy. He was a pupil of the political philosopher Norberto Bobbio. He attended school institutions supporting himself with his work, employed by the large local industry, then called "FIAT". His interests can be summarized in the study of "social" and "human" sciences, although he soon realized that knowledge in these sectors had not yet reached the episteme of science. He was primarily determined to carry out an analysis of history capable of compensating for the gaps and contradictions of current conceptions and, in particular, of Marxist analysis, whose alleged "scientific essence" has been falsified by the anti-communist revolutions that have occurred in the Soviet Union and in the countries of realized Socialism, especially in Eastern Europe. The published books aim to provide an overall view of the human condition, with particular attention to the historical reality of societies based on statehood, analyzing them in their structural complexity and their historical dynamics, to identify the possible outcome of human evolution itself. He developed the concept of degrees of civilizing, identifying the fifth level of civilizing in the "closed societies", or feudal ones, while in the "open societies", or mercantile ones, he identified the sixth level of civilizing. The sixth level of civilizing, however, appears neither irreversible, nor automatically a harbinger of further progress, which progress can only come from a metamorphosis, or palingenesis, of the human condition, which undermines the very presuppositions of organic-stratified societies, of to which the societies based on statehood, as a whole, are but the most advanced examples. To accomplish this palingenesis, neither the "class struggle" nor the social and political revolutions are suitable. It is necessary to rethink, in depth, the causes of the formation of the historical structural reality and, once the remedies have been identified, apply them to individuals and their inter-personal relationships, a premise for overcoming the conflict between individuality and sociality, defined by philosophers as the great "social problem". It is necessary to lay the foundations for the planning and creation of a sociality cons...

Leggi altro di Giano Rocca

Correlato a Il Senso della Vita nel Processo di Umanizzazione

Ebook correlati